LA CRETA

La proposta del laboratorio della creta nasce dalla convinzione delle educatrici della qualità e della potenzialità di questo materiale e delle significative risonanze che possono nascere nei bambini già a partire da questa età.

La manipolazione della creta è per i bambini un modo per accrescere competenze motorie, cognitive e creative, fondamentali per uno sviluppo armonico fisico e mentale.

Attraverso il contatto fisico e la manipolazione di questo elemento, il bambino scopre e mette in gioco le proprie capacità manuali individuali, le proprie conoscenze e la creatività. L’apprendimento passa attraverso il fare, la scoperta e la sperimentazione, tenendo conto che è importante il modo in cui si arriva al prodotto e non ciò che si produce. Attraverso la manipolazione la creta diventa materiale espressivo che permette di evocare l’esperienza primaria di ogni essere umano con la terra, attraverso stimolazioni sensoriali olfattive, tattili, visive.

 

METODOLOGIA

L’incontro con la creta avviene in maniera graduale, dando modo ai bambini di approcciarsi ad essa con curiosità, attraverso una libera esplorazione individuale che coinvolge tutti i sensi.

Una volta presa confidenza con il materiale, si potranno introdurre altri elementi naturali come legno, bastoncini, foglie, conchiglie... lasciando i bambini liberi di sviluppare la loro fantasia e creatività, creando, lasciando impronte, tracce, segni e raccontando storie...

Il ruolo dell’educatrice sarà il meno invasiva possibile, ricorrendo alla modalità che Bruner definisce di “scaffolding”, ovvero l’adulto svolge nei confronti del bambino la funzione di sostegno all’attività, per poi ridurlo progressivamente man mano che questi diviene capace di svolgere autonomamente l’attività. L’educatrice osserva i bambini e sceglie le attività da proporre loro sulla base delle attitudini, interessi e al momento evolutivo in cui i bambini si trovano, li coinvolge, li stimola verbalizzando cosa sta per succedere e cosa sta succedendo. Un ulteriore compito dell’educatrice consiste nel predisporre ambiente e materiali sollecitanti, a sostegno delle autonomie e rispondenti ai bisogni dei bambini.


OBIETTIVI GENERALI

- sperimentare il nuovo materiale sviluppando la manualità;

- compiere semplici azioni quali: impastare, grattare, staccare;

- sperimentare il cambiamento di questo elemento naturale combinato con altri elementi naturali e non;

- aumentare lo sviluppo percettivo tattile e visivo; 

- sostenere lo sviluppo della coordinazione oculo-manuale; 

- aumentare la fiducia nelle proprie possibilità e capacità.